Lo sgombero di un campo rom

Gli sgomberi dei campi rom sono da tempo una triste tradizione della cronaca milanese. Pubblichiamo una testimonianza di Basilio Buffoni, socio Todo Cambia, che ha partecipato allo sgombero del campo di Redecesio avvenuto il 22 ottobre scorso.

Ho partecipato per la prima volta allo sgombero di un “campo rom”. Quello di Redecesio, comune di Segrate, a poche centinaia di metri da via Rubattino, il luogo di provenienza di tutti gli sgomberati di oggi. E probabilmente lo sgombero più noto e più drammatico.

Ci sono finito per caso; rimasto a casa fino a più tardi del solito, ricevo un sms e poi una telefonata da una delle maestre che hanno bimbi rom in classe; avendo a disposizione un furgone più spazioso di molte altre auto, mi sembra ragionevole che mi chiedano una mano per spostare un po’ di suppellettili e vestiti dal campo sgomberato a qualche altro posto. Non ho impegni di lavoro impellenti, e vado.

Leggi tutto “Lo sgombero di un campo rom”

Vietare il burqa? Non basta un sì o un no

di Floriana Lipparini, Associazione Università Migrante

La questione del burqa, secondo me,  rappresenta da tempo una sorta di tabù per le donne di sinistra e per le femministe non solo italiane ma europee, e in questo vuoto hanno sicuramente prosperato posizioni finto-femministe di destra.

Confrontarsi con tale spinoso argomento non è solo una questione di costume o “di costumi”, ma significa in realtà dover affrontare temi ciclopici quali la libertà di coscienza, il relativismo culturale, la misoginia delle religioni e naturalmente i diritti e le libertà delle donne.

Leggi tutto “Vietare il burqa? Non basta un sì o un no”

I media e la guerra alle migrazioni

Quello che segue è l’incipit del saggio di Marcello Maneri, docente di Università Migrante 2010, incluso nel libro “Razzismo Democratico”. Un grazie a Salvatore Palidda, curatore del libro, che ce lo ho inviato.

In questo contributo, prendendo a esempio il modo in cui il tema dell’immigrazione in Italia viene costruito all’interno del discorso pubblico, cercheremo di ragionare sul ruolo dei media nei processi di criminalizzazione degli immigrati.
In primo luogo forniremo una sintesi delle caratteristiche di questo discorso, mostrando come esso identifichi una classe pericolosa “per natura”. In secondo luogo discuteremo brevemente le logiche che lo rendono possibile e gli effetti che esso produce, considerando l’interazione dotata di senso tra i principali enunciatori del discorso pubblico. Infine ci soffermeremo sulle pratiche di controllo dell’immigrazione, evidenziando come la “fortezza Europa” sia generatrice di senso e produca oggettivazioni che “parlano” l’immigrazione, e ci dicono come “parlarla”.

Leggi tutto il saggio di Marcello Maneri in formato PDF

Chi fosse interessato all’acquisto del libro in formato cartaceo può ordinarlo sul sito di AgenziaX. I partecipanti a Università Migrante 2010 possono anche richiederlo scrivendoci a info@eddamilagrosp.sg-host.com e cercheremo di farne arrivare delle copie per la lezione di Salvatore Palidda il prossimo 20 novembre.

Frammenti video

Tre brevi estratti video dalle prime lezioni del corso 2010.

Quarta lezione: Con i bambini immigrati la scuola resta indietro
Docente: LUIGI AMBROSI (Rete Scuole)

Terza lezione: Sono tutti criminali
Docente: MARCELLO MANERI (ricercatore presso l’Università Bicocca)

Seconda lezione: Ci rubano il lavoro
Docente: FRANCO DE ALESSANDRIS (Fillea-Cgil Milano)

Variazione docente

Un breve messaggio per segnalare che domani alla quarta lezione di Università Migrante non potrà intervenire Patrizia Quartieri di Rete Scuole come previsto nel programma.

Al suo posto ci sarà LUIGI AMBROSI, ex docente nelle scuole dell’obbligo, curatore di importanti iniziative realizzate in passato nelle scuole milanesi per favorire l’incontro interculturale e l’integrazione. Negli ultimi anni è stato uno degli animatori di “Rete Scuole”, in prima fila nell’opposizione alla controriforma Gelmini.

Leggi tutto “Variazione docente”